#senatoelettivo

Stiamo cercando di non andare al voto prima del processo Ruby. Di far vacillare l'accordo Renzi - Berlusconi e questa deriva antidemocratica. E ci appelliamo a chiunque abbia a cuore il futuro dell'Italia, fuori dalle logiche di una alleanza di governo. Qui si gioca il destino della democrazia, del patto sociale. La lotta tra cittadini e casta.

Un Senato nominato e comandato a bacchetta dai partiti, con un sistema peggiore del porcellum, garantirà alla casta la nomina del presidente della repubblica, della corte costituzionale e del consiglio superiore della magistratura. E quando gli organi di garanzia sono così assoggettati al potere politico, diminuisce il livello di democrazia, ma anche il benessere di un paese.

Saremo ancora più sudditi, aumenterà l'emorragia del debito pubblico e pagheremo tutti mentre pochi si arricchiscono e vanno all'estero...

Per questo cerchiamo di unire le forze con chiunque. 
Così avremmo fatto e faremmo in un governo a Cinque Stelle, senza patti di maggioranza nè inciuci, cercando il sostegno di chi vuole dare dignità ai nostri giovani, disoccupati, casalinghe, esodati, attraverso quel reddito di cittadinanza che in Europa manca solo a loro; di chi vuole dare agli imprenditori una moneta che non opprima le esportazioni, una tassazione che non strozzi gli investimenti, una amministrazione pubblica non lottizzata, e la vera abolizione delle province....

Sulla riforma del Senato stiamo serrando le fila. Interveniamo in aula ciascuno per 20 minuti, il massimo consentito, insieme a quei colleghi che ormai paiono più distanti dai loro partiti che da noi.

Ieri fino alle 22 di sera noi del Movimento eravamo ancora presenti in 21, maggioranza assoluta in un'aula semi deserta. Eppure non ho udito una sola parola buttata al vento. Mettiamo cuore e intelligenza nei nostri discorsi. Ci infervoriamo e qualcuno si commuove in un'aula svuotata....

E' così anche alla Camera: in Parlamento le parole servono ormai solo ad occupare il tempo, non per riempire di significato.
Noi combattiamo anche così, perché non sia più così.

Giovanni Endrizzi - cappogruppo M5S in Commissione Affari Costituzionali

L'intervento della portavoce M5S al Senato Paola Taverna nel corso della seduta del 14 luglio 2014 sulle riforme costituzionali

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

The Best United Kingdom Bookmaker lbetting.co.uk Ladbrokes website review