Please install Flash and turn on Javascript.

RadioPimonteSound

big_77.jpg

re Login Form






Lost Password?

Sponsored Links

Meteo-Webcam

CAMPANIA - METEOWEBCAM

Il Fatto Quotidiano

IL FATTO QUOTIDIANO

LEGGI LE NEWS FEED

Chi e' online

LAST VIDEO - I TUOI VIDEO

Stats-php test

On-Line
Visite Oggi:
Pagine Oggi:
Visitatori Totali:
Totale Pagine:

Altro/Others 

WEB-TV

WEB TV

WEB TV

Previsioni meteo

Click per aprire http://www.ilmeteo.it
Home
ESCURSIONI NEL PARCO DEI MONTI LATTARI PDF Print E-mail
Written by (Inserito da Camping Beata Solitudo)   
lunedě, 11 maggio 2009

I monti Lattari sono il prolungamento occidentale dei Monti Picentini dell'Appennino Campano, costeggiando l'Agro nocerino sarnese, si protendono nel mar Tirreno formando la penisola sorrentina. Devono il loro nome alle capre che vi pascolavano, fornitrici di ottimo latte (da cui il nome latino lactariiis)

{rokzoom title=|Monti Lattari - Penisola Sorrentina|}images/stories/montilattari/montilattari_molare.jpg{/rokzoom}

{rokzoom title=|Monti Lattari - Penisola Sorrentina|}images/stories/montilattari/montilattari_molare2.jpg{/rokzoom}

{rokzoom title=|Monti Lattari - Penisola Sorrentina|}images/stories/montilattari/montilattari_molare3.jpg{/rokzoom}

La catena montuosa è delimitata a nord-ovest dal golfo di Napoli, a nord dalla pianura del fiume Sarno, ad est dalla vallata metelliana ed a sud dal golfo di Salerno. I monti sono di formazione calcarea e raggiungono la massima elevazione nei 1444 metri del Monte San Michele del complesso di Monte Sant'Angelo a Tre Pizzi, che comprende le cime di San Michele, Monte di Mezzo e Monte Catiello. Al limite occidentale della catena montuosa è posto il Monte San Costanzo di 497 metri. A nord è posto il Monte Faito (1131 metri) raggiungibile con una funivia da Castellammare di Stabia. Ad ovest è situato il Monte Cerreto di 1316 metri oltre il quale i monti digradano verso est nel valico di Chiunzi. Proseguendo verso est i monti raggiungono i 1130 del Monte Sant'Angelo di Cava che insieme al Monte Finestra (1138 metri) ed al Monte dell'Avvocata (1014 metri), costituisce il margine orientale della catena montuosa prima che questa digradi nella valle di Cava dei Tirreni e in quella del torrente Bonea che sfocia nel golfo di Salerno a Vietri sul Mare.

Il versante meridionale dei monti è molto scosceso e da vita alle falesie della Costiera Amalfitana verso la quale scendono numerosi torrenti. Il versante settentrionale digrada verso la costa formando un altopiano costiero.

I monti Lattari sono attraversati da molteplici sentieri. Un sentiero di 90 km va dal margine orientale del Corpo di Cava al margine occidentale, rappresentato da Punta Campanella. Varie bretelle e varianti collegano questo sentiero ai centri abitati della costa. Di seguito il programma delle escursioni, visita la pagina degli eventi e cerca la voce "Escursioni Monti Lattari" dove troverai anche la mappa con i punti degli incontri con le guide abilitate.

Programma Maggio-Ottobre 2009

24 maggio - Circuito del Monte Tre Calli.

Si parte da Piazza Capasso alle 9,00. Per un��antica gradinata si sale a Pendola per poi proseguire lungo il ripido fianco del M. Tre Calli. Dalla cima (1122 m) vasto panorama sulla Penisola di Sorrento, Capri, il golfo di Salerno e le cime del Tre Pizzi. Poi si prosegue in quota per Capo Muro, si scende al rudere del “Casino di Paipo” e si prende
la rotabile che riporta a Bomerano.
��H 500 m; 4h; E.
Referente: Nicola Brancati 3392724829

24 giugno -Alle cime dello sparviero.

Si parte da Gemini (imbocco tunnel) alle ore 9,00 e -per una antichissima mulattiera pavimentata- si sale al valico di S. Angelo a Jugo, affacciandosi sul golfo di Napoli e il Vesuvio. Poi si segue il crinale dei monti che separano la conca di Agerola dalla Valle delle Ferriere, con splendide viste sul golfo di Salerno e sulle cime orientali dei Lattari.
Si scende, infine, a S. Lazzaro.
��H 400 m; 4h; E.
Referente: Antonio Acampora 3392428730

4 luglio - Sentiero delle fonti.

Si parte dal Piazza 24 maggio alle 9,00. Per l��antica mulattiera Inserrata-Jugo, ci si addentra nell��alta valle del Rio Penise tra selve di castagno. Dopo una pausa ai ruderi della settecenteca Polveriera, si sale all��Imbarrata e si compie il “periplo” a quota 1000 della cima del M. Cervigliano, toccando le varie sorgenti che lo circondano e facendo pic-nic sui prati di Acqua Vrecciaro.
��H 400 m; 5h; E.
Referente: Antonio Acampora 3392428730

5 luglio - Sentiero degli Dei.

Si parte da piazza Capasso (Bomerano) alle 9,00. Per l��antica mulattiera Agerola-Positano si visitano le case rupestri di Grotta Biscotto, si prosegue per Colle Serra (panorama su Penisola Sorrentina e Capri), Civitella e Nocelle, attraversando l��imponente Vallone Gradelle. Da Nocelle a Positano per antica scalinata e rientro con
bus di linea.
��H 650 m; 5h; E.
Referente: Salvatore Camicia 3409432518
19 luglio – Sentiero della Praia.
Si parte da P.zza Capasso (Bomerano) alle 9,30. Per l��antica mulattiera che, per secoli, ha collegato il paese all��approdo costiero di Praia, scendiamo a S. Barbara (vista sulle Grotte) per poi deviare a destra e percorrere l��interno della vicina gola fino alla sua foce a “fiordo”. Possibilità di bagno e rientro con bus di linea.
��H 650 m; 3h; E.
Referente: Anna Naclerio 3471474635

2 agosto - Passeggiata per campi e borghi 1.

Si parte dalla chiesa di San Pietro alle 10,00. Percorrendo antiche stradine immerse nel tipico paesaggio agrario agerolese, si visitano la chiesa della Madonna di Loreto (bel pannello maiolicato in stile Della Robbia), il ponticello nel bosco sul torrente La Rossa , la chiesa di San Nicola (belle tele seicentesche) e, tornati al punto di partenza,
la parrocchiale di Pianillo.
��H 150 m; 2,5h; T.
Referente: Aldo Cinque 3336786263

15 agosto - Passeggiata per campi e borghi 2.

Si parte dalla chiesa di S. Maria alle 10,00. Percorrendo antiche stradine immerse nel tipico paesaggio agrario agerolese, si visitano il Casale dei Brancati con la Cappella di S. Anna (tele del Regolìa), la chiesa di S. Michele (grande tela del Malinconico) e la sorgente Acqua Lèggia. Di ritorno si visita S. Maria la manna con la trecentesca
Madonna scolpita da Nicola da Monteforte.
��H 150 m; 2,5h; T.
Referente: Antonio Acampora 3392428730

23 agosto - La Valle delle Ferriere.

Si parte da P.zza Avitabile alle 9,00. Si risale il fianco sud del M. Murillo fino a 850 m. per poi attraversare il Vallone Vocito e giungere alla sorgente Acquolella. Per pendio boscoso si scende in fondo alla Valle delle Ferriere ove corre il gorgogliante fiume Canneto, ricco di rarità vegetali e faunistiche. Dopo la visita si scende ad Amalfi e si rientra con bus di linea.
��H 850m; 5h; E.
Referente: Nicola Brancati 3392724829

12 settembre - Sentiero degli Dei.

Si parte da piazza Capasso (Bomerano) alle 9,00. Per l��antica mulattiera Agerola-Positano si visitano le case rupestri di Grotta Biscotto, si prosegue per Colle Serra (panorama su Penisola Sorrentina e Capri), Civitella e Nocelle, attraversando l��imponente Vallone Gradelle. Da Nocelle a Positano per antica scalinata e rientro con
bus di linea.
��H 650 m; 5h; E.
Referente: Angela Avitabile 3393265233

19 Settembre - Passeggiata rupestre.

Si parte da P.zza Capasso alle 10,30. Per un��antica mulattiera si scende al piede della spettacolare parete rocciosa di Punta Corona, osservando la vegetazione mediterranea, le grotte di S. Barbara, le case rupestri di Pizzo Corvo e la chiesetta di S. Alfonso (Furore). Ritorno con bus di linea o per scalinate.
��H 200 m; 2,5h; E.
Referente: Marta Cinque 3283761082

20 settembre - Sulle orme di Santi e Diavoli.

Si parte da P.zza Capasso (Bomerano) alle 8,30. Raggiunte le più alte case del paese, si prosegue per il passo della Crocella e il versante Nord del Tre Pizzi. Si sale, quindi, alla Grotta dell��Acquasanta a rivivere la legenda del diavolo scacciato. Si sale, poi, al Santuario di S. Michele, erede di quello eretto nel VII secolo dagli eremiti S. Catello e S. Antonino. Rientro con bus da noleggio (quota di euro 6,00).
��H 600 m; 5h; EE.
Referente: Salvatore Camicia 3409432518

4 ottobre - I denti del gigante.

Si parte dalla chiesa di S. Francesco alle 9,00. Saliti a Borbone per la rotabile, si attacca il ripido pendio roccioso del M. Catiello osservando le stratificazioni e i fossili.
Dalla cima quasi si toccano gli altri due “denti” del Monte S. Angelo mentre si ammirano, in basso, Positano, Agerola, Pimonte e Gragnano. Ritorno per la medesima via.
��H 600 m; 4h; EE.
Referente: Michele Scala 389 7829281


Legenda:

Per ogni escursione viene indicato il dislivello totale (��H), la durata in ore (h) e la difficoltà (T = turistico; E = escursionistico; EE = Per escursionisti esperti)

Note

• La partecipazione alle escursioni è libera e gratuita.
• Ciascuno partecipa sotto la propria responsabilità e non sono ammessi minori non accompagnati.
• Per partecipare a ciascuna delle escursioni è necessario prenotarsi presso il referente.
• Le escursioni potrebbero essere rimandate a causa di maltempo o di scarse prenotazioni. Per saperlo in tempo, si consiglia di telefonare la sera prima.

* Presso il camping Beata Solitudo  solo per gli escursionisti con le date suindicate sconto del 10% sulle tariffe normali, per Campeggio, Hostello e B&B

Last Updated ( martedě, 19 maggio 2009 )
 
< Prev   Next >