Please install Flash and turn on Javascript.

RadioPimonteSound

big_20.jpg

re Login Form






Lost Password?

Sponsored Links

Meteo-Webcam

CAMPANIA - METEOWEBCAM

Il Fatto Quotidiano

IL FATTO QUOTIDIANO

LEGGI LE NEWS FEED

Chi e' online

LAST VIDEO - I TUOI VIDEO

Stats-php test

On-Line
Visite Oggi:
Pagine Oggi:
Visitatori Totali:
Totale Pagine:

Altro/Others 

WEB-TV

WEB TV

WEB TV

Previsioni meteo

Click per aprire http://www.ilmeteo.it
Home
DEBTOCRACY - FILM PDF Print E-mail
Written by Roberto Avitabile   
sabato, 15 ottobre 2011

 

Documentario della crisi Greca

DEBTOCRACY


Debtocracy International Version di BitsnBytes

(seleziona i sottotitoli)

"Debtocracy", un documentario dei giornalisti Katerina Kitidi e Aris Hatzistefanou sulla crisi greca. Girato con i loro risparmi e i contributi di qualche amico, il documentario è stato pubblicato gratuitamente su debtocracy.gr. In meno di dieci giorni lo hanno visto quasi 600mila persone. Ogni giorno sostenitori e critici del documentario scambiano le loro opinioni su Facebook, Twitter o sui blog.

I protagonisti di questo documentario (circa 200 personalità) hanno firmato una petizione per l'istituzione di un comitato internazionale che investighi sull'origine del debito e individui i responsabili. Per loro la Grecia avrebbe il diritto di rifiutare il rimborso del suo "debito ingiustificato", cioè del debito accumulato attraverso atti di corruzione commessi contro l'interesse della società.

Debtocracy è un atto politico e presenta un punto di vista ben definito sugli avvenimenti che hanno portato la Grecia sull'orlo del baratro. Le opinioni vanno tutte in una direzione, quella scelta dagli autori, che fin dai primi minuti mettono in chiaro il loro modo di vedere le cose: "In quasi 40 anni due partiti, tre famiglie politiche e alcuni grandi imprenditori hanno portato la Grecia al fallimento. Questa gente ha smesso di pagare i cittadini per salvare i suoi creditori".

Gli autori del documentario non danno la parola a quelli che considerano come "complici" di questo fallimento. I primi ministri e i ministri delle finanze degli ultimi dieci anni in Grecia sono presentati come i responsabili di una serie di connivenze che hanno spinto il paese nel precipizio.

Il direttore generale dell'Fmi, Dominique Strauss-Kahn, che si è presentato ai greci come il medico del paese, è paragonato al dittatore Georges Papadopoulos [primo ministro sotto il regime dei colonnelli dal 1967 al 1974]. Il parallelo è proposto fin dall'inizio del documentario, ma Strauss-Kahn non ha diritto ad alcuna replica. Alla domanda "Perché non far intervenire le persone prese di mira?" Katerina Kitidi risponde che è "una domanda che bisogna porre a molti media, che in questi ultimi tempi trasmettono un solo punto di vista sulla situazione. Noi volevamo offrire un altro approccio, che mancava da tempo".

Come in Ecuador
Per Aris Hatzistefanou quello che conta è l'indipendenza del documentario: "Non avevamo scelta. Per evitare i vincoli che ci avrebbero imposto le case di produzione, le istituzioni o i partiti, per realizzarlo ci siamo rivolti direttamente al pubblico. Il documentario appartiene quindi ai nostri 'coproduttori' che hanno contribuito via internet. Ed è per questo che non ci sono stati problemi di diritti. Il nostro scopo è quello di diffonderlo il più possibile".

Il documentario si serve dei casi dell'Ecuador e dell'Argentina per sostenere la tesi secondo la quale il rapporto di un comitato di esperti  può essere utilizzato come strumento di negoziazione per cancellare una parte del debito e il blocco degli stipendi e delle pensioni.

"Cerchiamo di prendere spunto dagli esempi di paesi che hanno detto no all'Fmi e ai creditori stranieri. A questo scopo abbiamo parlato alle persone che hanno condotto questa valutazione in Ecuador e che hanno dimostrato come gran parte del debito fosse illegale", dice Katerina Kitidi. Debtocracy evita però di sottolineare alcune differenze significative fra l'Ecuador e la Grecia, per esempio le riserve petrolifere del paese sudamericano.

Last Updated ( sabato, 15 ottobre 2011 )
 
< Prev   Next >